Damiano Gualandri Blog
March 30, 2023

Awesome Retroconsole!

Pubblicato March 30, 2023  •  7 minuti  • 1345 parole
Table of contents

Le persone hanno molti hobby, come leggere, fare sport, ascoltare musica o fare giardinaggio. Invece, uno dei miei passatempi preferiti è giocare ai videogiochi. Per me, è sempre stato un autentico viaggio alla scoperta di nuovi mondi e nuovi personaggi, un po’ come leggere un libro, ma in modo più interattivo.

Possiedo molte console tra le più vendute di tutti i tempi, ma stavo cercando una soluzione alla mia voglia di rispolverare vecchie glorie.

I problemi

Giocare ai videogiochi sulle console originali richiede di portare ogni console sempre con te, a meno di possedere soluzioni di backup o console retrocompatibili, che non sempre sono in grado di far girare tutti i giochi di più console.

Ad esempio, se volessi giocare ai giochi Game Boy Advance (GBA) e PlayStation Portable (PSP), dovrei portarmi dietro due console separate.

Inoltre, le soluzioni di backup disponibili sul mercato per le console più datate, sebbene all’epoca forse costassero meno, non sono economiche. Provate ad esempio a dare un’occhiata alle flashcart per il Game Boy.

Dunque, che si fa?

Una possibilità è quella di utilizzare una console più recente e migliore in termini di potenza e prestazioni per giocare ai vecchi giochi.

Non prendo in considerazione la Nintendo Switch, che è una console tuttora in produzione, ma è difficile giocare ai vecchi giochi su di essa, e lo Steam Deck, che è un computer a tutti gli effetti che fa molte cose in ambito di emulazione. Entrambe le soluzioni non sono economiche anche se svolgono egregiamente il lavoro per il quale sono state progettate e create.

Al giorno d’oggi, le console più economiche e con un buon parco titoli sono:

Consentono di emulare gran parte dei giochi di console precedenti, ma sono difficili da trovare a prezzi normali, soprattutto la seconda.

Esistono due problemi maggiori mentre si gioca ad un titolo recente:

  1. Non sempre le console “nuove” hanno lo stesso aspect ratio e i controlli della versione originale. Ad esempio, i giochi del Nintendo DS vengono emulati riprodotti su un 3DS ma presentano delle bande nere ai lati, mentre su un DSi (o un DSi XL) vengono perfettamente emulati.

  2. Quando le console casalinghe vengono emulate da un dispositivo più nuovo, è difficile abituarsi ai controlli. La sensazione che regala un certo controller su hardware originale è spesso diversa da quella della console di destinazione.

Questo deriva puramente dalla comodità di utilizzare un controller piuttosto che un altro.

Ho sempre apprezzato l’idea di portare con me tutta la mia libreria di giochi e poter avere una sola console in grado di emulare la mia intera collezione invece di dover possedere molte console diverse. Tuttavia, ci sono anche vantaggi nell’essere in grado di avere più di una console, ad esempio poter giocare a giochi esclusivi per ogni console e avere accesso a diverse funzionalità e servizi offerti da ogni piattaforma. In generale, la scelta di possedere una o più console dipende dalle preferenze e dalle esigenze personali di ogni giocatore.

Non tutti i Game Boy sono perfetti: l’SP è l’eccellenza della compattezza. Tuttavia, col passare degli anni, i controlli sono diventati piccoli per le mie mani che via via sono cresciute, rendendolo un po’ scomodo.

Un buon Game Boy in termini di dimensioni potrebbe essere il primissimo grigio (DMG). Tuttavia, ha un peso non indifferente ed è poco portatile rispetto alle altre console, poiché risulta pesante in tasca.

Un’ottima alternativa ad entrambi i modelli è il Game Boy Pocket (GBP) che rappresenta un compromesso eccellente sia per le dimensioni, che sono molto più piccole e compatte di un DMG, sia per le dimensioni dei controlli (d-pad e bottoni) che mantengono le dimensioni del DMG.

La famiglia Game Boy ha sempre sofferto dello schermo non retroilluminato, una grave mancanza che nel corso degli anni ha rappresentato un problema per tutti coloro che volevano giocare in ore diverse dalle diurne, rischiando di perdere qualche diottria.

Dove allora posso trovare un Game Boy “potente” con un buon schermo e in grado di far partire giochi recenti?

Il compromesso

Ed è così che si arriva ad un ottimo compromesso: la scoperta delle retroconsole non blasonate.

In passato venivano vendute console con OpenDingux, che non mi hanno mai incuriosito molto. Da una parte era molto interessante avere una console con un sistema operativo libero in grado di emulare molti giochi datati, dall’altra mi hanno sempre dato l’impressione che avessero problemi di qualche sorta (derivanti non solo dal surriscaldamento, ma anche e soprattutto dai controlli).

Negli ultimi anni, tuttavia, sono nate diverse retroconsole di marche come Powkiddy, Miyoo e Anbernic.

La peculiarità di queste console è che spesso e volentieri montano Linux o Android, rendendole perfette per tutti gli smanettoni che si divertono ad aggiungere o rimuovere emulatori e testare giochi.

Intorno al 2019 seguivo, e seguo tutt’ora con molto piacere, il canale del Dottor Game, dove sono presenti diverse recensioni di console portatili, da Famicloni a Power Player Super Joy, fino a questo tipo di console.

Inizialmente, non mi piacevano per nulla.

Mi sono messo alla ricerca delle varie soluzioni sul mercato, e la scelta è ricaduta su due modelli in particolare:

Ho cercato online cosa fossero in grado di fare queste console, e ho scoperto che possono emulare giochi fino alla PS1, ma non perfettamente Dreamcast, PS1 e Game Cube.

Il Miyoo Mini è proprio troppo piccolo e scomodo da tenere in mano. La compattezza è importante, ma non essendo ergonomico è scomodo da utilizzare. Ciò ricorda molto il Game Boy Advance SP nel 2023.

L’acquisto sbagliato

Inizialmente avevo pensato che l’RG35XX fosse una scelta valida, ma poi ho scoperto che la potenza lasciava a desiderare e il kernel stock non era eccellente.

Insomma, non proprio la scelta migliore.

Onestamente avrei apprezzato se la console avesse avuto un supporto migliore dal produttore originale, sebbene esistano firmware personalizzati.

L’acquisto giusto

Mi sono reso conto che molte delle cose che volevo non erano disponibili, come il supporto per Android e così ho deciso di spendere di più e optare per la Anbernic 353V.

Prima di procedere all’acquisto sono andato a guardare recensioni varie su Instagram e Youtube: inutile dirvi che non c’era molto. Tutti quanti si lamentavano per i bottoni sul retro, difficili da premere e scomodi.

Devo dire che sono rimasto abbastanza soddisfatto delle sue specifiche tecniche. Ciò che mi ha sorpreso di più, tuttavia, sono stati proprio i controlli e le levette, che hanno superato di gran lunga le mie aspettative.

È in grado di emulare molti sistemi, come Dreamcast e PS1 con un framerate stabile, ma anche i titoli PSP e sembrano funzionare alla grande. Tuttavia, non è perfetta, ci sono alcune cose che non può fare, come emulare il Gamecube o avere un sistema Android stabile (crash ogni pochi minuti di gioco).

Nonostante i problemi, questa console è diventata la mia console portatile preferita e la uso quasi ogni giorno, in particolare per giocare titoli PS1 e qualcosa su Android: su quest’ultimo, le app crashano spesso, soprattutto i giochi.

Un’altra cosa che adoro è il fatto che posso utilizzarla come controller per altre cose, è una funzione che non ha prezzo.

Ero un po’ scettico riguardo al feedback dei controlli, ma devo dire che la console emula alla perfezione il feeling del Game Boy Pocket. Sorprendentemente, anche a distanza di tempo, non mi suda la mano come avviene con alcuni controller, come quello della PS4 o della prima Xbox One prima che revisionassero il controller e mettessero un grip.

Conclusioni finali

Se state cercando una console portatile che sia in grado di soddisfare la vostra esigenza di retrogiocare, l’Anbernic 353V è una soluzione che vale la pena prendere in considerazione.

Non dico che è perfetta, perché ovviamente ha i suoi pro e i suoi contro, ma personalmente l’ho trovata una console portatile di buona qualità e che che offre una vasta scelta di emulatori a un prezzo accessibile.

Se volete saperne tutto, ma proprio tutto sulle console Anbernic, vi consiglio di dare un’occhiata ad awesome-anbernic , dove si trovano informazioni sulle varie console, custom firmware e molto altro.

Follow me

I mostly don't use any social media.